21 Agosto 2021

L’EtnAfrofestival, confronto artistico e culturale internazionale

L’EtnAfrofestival, confronto artistico e culturale internazionale

 Nella serata conclusiva si sono esibiti gli allievi con musiche e ritmi tipici della Guinea Conakry, stato dell’Africa occidentale. Tra loro solo due presenze siciliane, per il resto gli iscritti, mai numerosi come quest’anno sono giunti da svariate parti del mondo.

Presenti nutriti gruppi di israeliani, cecoslovacchi, spagnoli, polacchi. Altri provenivano da Lussemburgo, Olanda e Francia. La sera dell’11 agosto sul Sagrato della Basilica Collegiata dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, in particolare, i tre gruppi allievi del corso di danza si sono esibiti in altrettanti numeri; un altro momento della serata è stato allestito dagli allievi del corso di percussione. Da qui il messaggio che con la musica e il ballo si può accumunare popoli di estrazione diversa tra loro sia per cultura che per religione.

Asec Trade S.r.l.

Marina Cannavò tiene a sottolineare le difficoltà burocratiche nell’organizzare eventi. “Non è pensabile che chi porta uno spettacolo debba pensare anche all’affitto delle sedie. Per delle piccole associazioni diventa impossibile organizzare eventi, che hanno peraltro un alto valore culturale visto che sono stati anche patrocinati dal Comune di Acireale e persino Comitato Internazionale della Danza -Unesco”.

Sotto la direzione artistica del percussionista Mohamed Med Camara, giorno 8 agosto si erano esibiti Babara B. Fakoly, Yansane Fatoumata, Moussa Ntanga Camara, Bamba Camara, Seny Bangoura, Ally Mara, Alpha Toure, Balla Camara.

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.