16 Agosto 2021

Cantarella: “Per pulizia caditoie e canali già a lavoro da una settimana”

Cantarella: “Per pulizia caditoie e canali già a lavoro da una settimana”

“Interveniamo in anticipo sull’arrivo di possibili piogge torrenziali. Massima attenzione per caditoie e canali”, a dirlo l’assessore all’ Ambiente, Ecologia e Sicurezza del Comune di Catania Fabio Cantarella.

Asec Trade S.r.l.

Si deve fare in fretta per non farsi trovare impreparati, come spesso è avvenuto, all’arrivo delle piogge che a Catania creano il panico: strade allagate e vie che si trasformano in men che non si dica in torrenti in piena. Nella mattinata una nota durissima da parte del consigliere comunale Giuseppe Gelsomino, che ha sottolineato come l’Amministrazione comunale sia responsabile di eventuali danni e disagi. Qualche ora dopo L’assessore Fabio Cantarella in un post sul suo profilo Facebook indica la strada tracciata dalla Giunta Pogliese: Da una settimana siamo al lavoro per ripulire migliaia di caditoie ostruite anche dalla cenere lavica. Un’attività dettagliatamente programmata nei primi giorni d’agosto da me e dal collega Pippo Arcidiacono nel corso di una riunione tenuta nell’ufficio del Capo di gabinetto Giuseppe Ferraro con direttori e dirigenti comunali”.

“Abbiamo avviato le procedure anche per la bonifica di alcuni canali, in primis il Forcile e l’Acqua Santa – continua Cantarella – .Un grazie di cuore ai dipendenti della Multiservizi e delle direzioni Ambiente e Manutenzioni che stanno procedendo senza sosta su centinaia di caditoie (già oltre mille)”.

Le strade, intanto, specialmente nelle periferie, sono ancora piene, di cenere vulcanica, che andrebbe pure tolta. Dalla Regione Siciliana dovrebbero arrivare dei soldi stanziati specificatamente per questo. Ma sull’arrivo e la ripartizione dei fondi nessuna notizia. L’Etna per il momento tace… e grazia tutti.

 

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.