13 Luglio 2021

“LIBRERIA URZÌ “, LA CATANIA CHE NON C’È PIÙ…

“LIBRERIA URZÌ “, LA CATANIA CHE NON C’È PIÙ…

La Libreria Urzì, sita in via Etnea a due passi dall’incrocio “co viali” , è  uno dei simboli indelebili della Catania che non c’è più,  di quella Catania che si tramanda attraverso  le tradizioni sane di questa città  che per tante e tanti catanesi e una vera e propria patria.

Asec Trade S.r.l.

In questa patria, la Liberia Urzì occupava un ruolo significativo che andava oltre la vendita dei libri. Infatti, spesso si trasformava in un prolungamento del campo di volley, perchè Salvatore, o meglio Tuccio Urzì,  il titolare dell libreria, era un rinomato pallavolista e con i suoi compagni di squadra spesso  amalgamava le tematiche pallavoliste con l’incantevole ed unico mondo della libreria. Ma era  una sorta di luogo magico la Liberia Urzì.  Infatti, erano frequenti e amichevoli le visite in libreria di personaggi come Ignazio Buttitta, Lucio Sciacca, Renato Guttuso e Pippo Fava.

Continua dopo la foto

Tuccio Urzì

Comunque, quello che aveva contribuito a rendere la Libreria Urzì un punto d’incontro e non solo per sportivi, e rendere Tuccio un personaggio stimato e amato, era la profonda umanità di quest’uomo di 1,87 d’altezza. Quest’uomo, che ho avuto la fortuna di frequentare ma nel periodo più  sfortunato e doloroso della sua esistenza, moriva esattamente 2 anni fa, il 13 luglio 2019, dopo mesi e mesi di atroci sofferenze – alimentate anche dalla  malasanità – trascorsi fra l’Ospedale Cannizzaro, il Garibaldi “vecchio”, l’Ospedale di Acireale, l’Ospedale di Giarre e, infine, il decesso presso l’Ospedale di Militello Val di Catania, in cui c’era arrivato perchè non c’era una terapia intensiva più  vicina all’ospedale di Giarre. E non eravamo in periodo di pandemia.

Ultimo aggiornamento

Orazio Vasta

Orazio Vasta