12 Luglio 2021

Lo Schiavo (Fast Confsal) su Parcheggio Scambiatore Narciso: “Presentato esposto alla Corte dei Conti”

Lo Schiavo (Fast Confsal) su Parcheggio Scambiatore Narciso: “Presentato esposto alla Corte dei Conti”

La Fast Confasal per voce del suo segretario ha comunicato di aver presentato un esposto alla Corte dei Conti sulla questione del Pacheggio Narciso. Intanto La Fce ha chiesto alla commissione straordinaria del Comune di Catania, l’ammissione alla massa passiva per un valore di 7 milioni di euro.

Asec Trade S.r.l.

Come anticipato dal sindacato, venerdì scorso,  è stato trasmesso alla Procura regionale della Corte dei Conti, un’  esposto che dal 2004 ad oggi, riassume 17 anni di un travagliato e tortuoso iter burocratico, riguardante la concessione in uso al Comune di Catania dell’area della sede ferroviaria della Gestione Ferrovia Circumetnea, relativa alla tratta urbana di CORSO DELLE PROVINCIE e VIALE IONIO, compresa tra P.ZZA A. LINCOLN  e P.ZZA GALATEA, frutto della CONVENZIONE sottoscritta a Giugno del 2004 fra il Direttore Generale pro tempore di F.C E. e il SINDACO pro tempore del COMUNE  di CATANIA.

A fronte dell’ avvenuta CONVENZIONE, il COMUNE di CATANIA avrebbe dovuto concedere a titolo gratuito all ‘ ENTE del MINISTERO dei TRASPORTI e delle INFRASTRUTTURE,  l’ area compresa tra via Narciso  e via Proserpina, destinata dal Piano Urbano Parcheggi a parcheggio scambiatore ed area attrezzata oltre alle funzioni di parcheggio scambiatore della mobilità  pubblica – privata ad area di ammasso per la protezione civile, terminal per gli Autobus della FCE.

Lo Schiavo, firmatario dell’ESPOSTO, nella qualità di dirigente FAST CONFSAL, stigmatizza i punti salienti di come a suo dire, in questi lunghi anni si sarebbero sviluppati i fatti.

Purtroppo, ho avuto modo di assistere a questa controversa e bizzarra storia come lavoratore di Circumetnea e dal punto di vista sindacale, infatti, già  nel 2006, manifestai in Commissione Lavori Pubblici del Comune di Catania, talune mie perplessità, in considerazione del fatto che a distanza di oltre due anni FCE non avesse ricevuto ancora nulla in cambio, rispetto a quanto pattuito con la Convenzione del 2004.

Una vicenda paradossale e surreale che ancora oggi non vede una soluzione definitiva,  non a caso     Circumetnea ad Aprile del 2019 ha presentato Istanza di ammissione alla massa passiva, alla Commissione Straordinaria di Liquidazione  del Comune di Catania, per un credito vantato nei confronti dello stesso Comune, dell’importo complessivo  di € 7.065.318,17, di cui capitale pari ad € 5.674.679,62 ed interessi al 31 / 12/ 2018 pari ad € 1.390.638,55.

Continua Lo Schiavo nella sua descrizione dei fatti

“Troppi punti oscuri sulla vicenda, malgrado gli attori principali,  succedutesi nel tempo ( Sindaci del Comune di Catania e Direttori Generali di Circumetnea ) si siano prodigati a sbrogliare l’intricata matassa, dato che le procedure espropriative dell’ area compresa via Narciso e via Proserpina non andarono a buon fine, in quanto, gli atti del procedimento di esproprio, furono annullati dal Giudice amministrativo,  cioè dal T. A.R. Sicilia- sezione di Catania,  con la sentenza n. 944 del 10 Giugno 2003 ( un annoprima della stipula della convenzione del 2004 ) e l’appello del Comune fu dichiarato inammissibile per tardività  con decisione n. 761 del 2005 del C.G.A.R.S.

IN BUONA SOSTANZA, UNA SORTA DI “ PATTOLEONINO “ CHE HA VISTO E CONTINUA A VEDERE SOCCOMBENTE LA FERROVIA CIRCUMETNEA.

A questo punto, il Comune, impossibilitato a concedere le aree in questione, fra le diverse opzioni prospettò a Circumetnea, in alternativa, “ la gestione del parcheggio scambiatore di “ FONTANAROSSA( Aprile 2007 ), e dieci  anni dopo, la concessione in uso di una parte del parcheggio scambiatore di “ NESIMA( Marzo 2018 ), ma nulla di concreto avvenne.

Ma vi è di più; non si è a conoscenza di come sia andata a finire la “ richiesta di attivazione giudiziariache Circumetnea nel Gennaio del 2013 avanzò tramite l’ AVVOCATURA DELLO  STATO di Catania per ottenere la restituzione delle aree concesse in uso al Comune di Catania con la Convenzione  dell’ 11 Giugno 2004 e il riconoscimento dei danni subiti “ .

Per tutti questi motivi ed altre considerazioni ancora, Venerdì u.s., è stato presentato esposto alla Corte dei Conti, affinché venganoaccertati – individuali comportamenti e/ o omissioni che hannoarrecato danni all’ Erario a causa della mancata utilizzazioneper fini pubblici dell’aria destinata a parcheggio scambiatore”.

Giovanni Lo Schiavo

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione