30 Giugno 2021

Oggi, a Picanello, pulizia e manutenzione di piazza Padre Pio e via Villa Glori

Oggi, a Picanello, pulizia e manutenzione di piazza Padre Pio e via Villa Glori

Oggi una ventina di volontari nel quartiere di Picanello hanno lavorato alla pulizia e manutenzione di piazza Padre Pio e via Villa Glori. L’iniziativa è stata coordinata dal capogruppo di Diventerà Bellissima Daniele Bottino, che fa le seguenti dichiarazioni:

Asec Trade S.r.l.

“La piazza è completamente abbandonata. Le potature sono da sempre eseguite in maniera parziale e totalmente priva di pulizia. Ritengo che sia una delle piazze più sporche che ci sia in città. Sono stati riempiti con rifiuti di varia natura decine di sacchi neri, messi a disposizione dalla Direzione Ecologia del Comune di Catania. Sui luoghi vi erano abbandonati sedie, divani e materassi.”

E continua: ” è stato presente l’assessore ai lavori pubblici Enrico Trantino, che ho pensato di invitare visto che in piazza c’è l’ex scuola Capponi. L’edificio è totalmente vandalizzato. In passato è stato perfino occupato. All’interno c’è ogni sorta di rifiuti anche speciali, come eternit. Nella scorsa consiliatura si era lavorato a un progetto per portare in questo edificio la Polizia. Poi, il nulla.”

“Si era pensato di portare qui la Sidra, che si trova nelle vicinanze e che paga circa 200 mila euro di affitto annui. Il presidente Fatuzzo ha un preventivo per la riqualificazione dell’ex scuola di 4,5 milioni di euro. Io ritengo che con un progetto ad hoc che tenga conto delle esigenze di spazio della partecipata, il preventivo possa essere almeno dimezzato. In 10 anni Sidra rientrerebbe nelle spese non pagando più l’affitto, e la struttura sarebbe completamente riqualificata.”

E conclude: “Con l’assessore Trantino abbiamo dialogato sulla potenzialità dei fondi del Patto per Catania, attraverso cui l’edificio potrebbe essere completamente abbattuto a favore, piuttosto, della realizzazione di spazi utili alla collettività. La sera la piazza è completamente inaccessibile e oggetto di movimenti strani. Ho chiesto a Trantino di poterci confrontare con l’Università o con la Regione.”

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione