27 Maggio 2021

Provincia di Catania, abbandono indiscriminato di rifiuti a bordo strada

Provincia di Catania, abbandono indiscriminato di rifiuti a bordo strada

Provincia di Catania, abbandono indiscriminato di rifiuti a bordo strada: elevate sanzioni per oltre 12.000 euro e un soggetto denunciato per combustione illecita di rifiuti.

Asec Trade S.r.l.

I militari del NIPAAF, Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale dei Carabinieri, nei giorni scorsi, grazie all’ausilio di apparati di videosorveglianza, hanno effettuato mirati servizi volti al contrasto e repressione del fenomeno dell’abbandono indiscriminato di rifiuti sul ciglio delle strade, specie in alcuni contesti rurali del territorio della Provincia di Catania, soprattutto nei Comuni di San Giovanni La Punta e Paternò. Ciò al fine di arginare il fenomeno delle numerose discariche abusive che sono presenti sul territorio. Sono state elevate 21 sanzioni per un totale di € 12.600,00.

In particolare, diversi soggetti sono stati immortalati mentre scendevano dai propri autoveicoli e abbandonavano sacchi di rifiuti urbani e scarti di rifiuti edili ai bordi delle strade, soprattutto in ore serali, violando peraltro tutte le Ordinanze Sindacali sulla raccolta differenziata.

 

In alcuni casi i trasgressori sono stati ripresi mentre effettuavano il lancio del sacchetto direttamente dal veicolo in corsa. Molto spesso si tratta di incivili seriali che smaltiscono quotidianamente i rifiuti in questo modo.

Un soggetto, nel tratto di strada che collega Paternò a Belpasso, è stato filmato mentre dà fuoco ad un cumulo di rifiuti, che solo per una serie di eventi fortunosi non ha scatenato un incendio sui terreni circostanti. Lo stesso è stato deferito alla Procura della Repubblica di Catania e rischia la pena della reclusione da 2 a 5 anni.

I controlli sul territorio da parte dei militari dell’Arma, volti alla repressione di questo increscioso fenomeno ai danni dell’ambiente, saranno ancora stringenti.

Ultimo aggiornamento

Anna Rapisarda

Anna Rapisarda