20 Maggio 2021

Orazio Grasso (Grande Catania) sulla mobilità: “Bisogna agire con programmazione lungimirante”

Orazio Grasso (Grande Catania) sulla mobilità: “Bisogna agire con programmazione lungimirante”

Ieri al Palazzo degli Elefanti si è tenuto un Consiglio comunale straordinario sulla mobilità, parliamo degli esiti della seduta con Orazio Grasso, del gruppo Grande Catania, capofila a chiederne la convocazione.

Ieri un Consiglio straordinario e urgente sulla mobilità nella città di Catania. Qual è la posizione di Grande Catania sull’argomento?

La tematica della mobilità sostenibile e il trasporto pubblico integrato sono una tra le tematiche più importanti che abbiamo avuto modo di trattare in Consiglio comunale. Noi abbiamo due grandi infrastrutture: la Metropolitana e la linea ferroviaria gestita da RFI.

Con la Metropolitana, che sarà pronta tra il 2025 e il 2026, Paternò sarà collegata all’aeroporto con una linea che passa all’interno di Catania. Con la rete ferroviaria, se utilizzata come trasporto pubblico urbano, avremmo una seconda linea metropolitana che da Giarre porta all’aeroporto, con l’utilizzo delle stazioni di Cannizzaro, Ognina, Picanello, Piazza Europa, Acquicella e Bicocca. Queste due infrastrutture si deve cercare di interconnetterle fra loro, magari potenziando dei nodi di scambio come quello della Stazione a piazza Giovanni XXIII e Fontanarossa.

Oltre le linee ferrate c’è altro. I trasporti con i bus attualmente a Catania non sembrano sufficienti. Cosa proponete?

Il trasporto su gomma va potenziato soprattutto con l’istituzione delle linee Brt già elaborate, dando ai cittadini tempi certi di percorrenza. Il tutto deve essere completato nell’ottica di un trasporto integrato e con un biglietto unico. Successivamente, si deve gestire la sosta in modo intelligente e moderna con l’utilizzo di tariffe differenziate in modo da disincentivare l’utilizzo del mezzo privato. Nelle aree vicino ai nodi di scambio applicare tariffe simboliche, mentre al centro alzare i prezzi.

Ieri avete chiesto all’Amministrazione di impegnarsi con celerità sulla questione Mobilità. Da cosa trae origine la vostra richiesta?

Ieri abbiamo presentato in Consiglio comunale una mozione affinché entro 30 giorni arrivino in Aula le “Direttive Generali sul Piano della Mobilità della Città di Catania”. La mozione trae origine dal fatto che, in questi anni, noi abbiamo assistito ad una sorta di gestione delle emergenze. È giunto il momento che l’Amministrazione ragioni in prospettiva con dei programmi lungimiranti. In poche parole, agire con delle idee chiare da subito.

Ieri il sindaco Pogliese è andato via dopo circa mezz’ora. A noi risulta per degli impegni pregressi.

Avrei preferito che Pogliese fosse rimasto di più in Aula ad ascoltare quello che aveva da dire il Senato cittadino su un argomento molto importante per la città, ma non voglio entrare nel merito degli impegni personali di Pogliese.

Il Gruppo Grande Catania si è sempre posto in Aula con un sostegno non incondizionato verso l’Amministrazione, ma valutando di caso in caso. Terrete fino a termine della consiliatura questa linea?

La nostra la ritengo una scelta giusta per una buona amministrazione. Ma è una scelta che tutti dovrebbero fare, a prescindere se si è in maggioranza o in opposizione. È chiaro che se ci sono delle scelte importanti da fare per la città. Grande Catania è disposta a scendere in campo e sostenere l’Amministrazione in tutto e per tutto.

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.