08 Maggio 2021

Uil: “Servono vaccini, subito la riconversione dello stabilimento Pfizer”

Uil: “Servono vaccini, subito la riconversione dello stabilimento Pfizer”

“È necessario vaccinarsi, è necessario avere disponibilità di vaccini. Oggi, come in futuro. Per questo non smetteremo mai di chiedere la riconversione dello stabilimento Pfizer di Catania”.

Asec Trade S.r.l.

La UIL nazionale, regionale e catanese chiedono con forza alla multinazionale del farmaco che avvii la produzione del siero antiCovid anche nella propria sede etnea. Il Governo italiano e quello della Regione Sicilia intervengano per sottolineare e sostenere l’importanza vitale di questo progetto”. Lo afferma il segretario confederale nazionale della Uil Domenico Proietti insieme con i segretari generali di Uil Sicilia e Catania, Claudio Barone ed Enza Meli.

“Sollecitiamo una scelta produttiva – aggiungono gli esponenti sindacali – perché essa rappresenta sia un’opportunità, sia una necessità per raggiungere il target di vaccini necessari ad immunizzare la popolazione europea. Occorrono ancora milioni di dosi e, come ormai è chiaro a tutti, il tempismo è un fattore fondamentale per arginare il protrarsi della pandemia e l’insorgere di nuove varianti. Non possiamo negare, poi, che dovremo combattere contro il Covid-19 ancora a lungo e i vaccini restano ancora adesso l’arma migliore. Sollecitiamo, quindi, una riconversione che nasce dalla consapevolezza delle potenzialità della Pfizer di Catania e da un’esigenza di autosufficienza nazionale per nulla raggiunta ancora oggi. E che rappresenterebbe pure un’occasione di lavoro per tutta la Sicilia”.

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato capo dell'Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.