29 Aprile 2021

Costruzione monte San Paolillo, ecco i nulla osta della Soprintendenza

Costruzione monte San Paolillo, ecco i nulla osta della Soprintendenza

Ripercorriamo la storia della costruzione di Monte San Paolillo, all’interno della Timpa di Leucatia, attraverso i nulla osta della Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali di Catania.

Asec Trade S.r.l.

Forse un po’ di fretta o qualche distrazione potrebbero essere la causa dell’autorizzazione concessa alla Dusty immobiliare nel 2007 dall’allora soprintendente ai beni culturali e ambientali, Gesualdo Campo, all’epoca dei fatti anche assessore provinciale ai Beni culturali della Provincia regionale, con ufficio a poche centinaia di metri da Monte San Paolillo. Fretta e distrazione che potrebbe aver condizionato anche la firma della soprintendente Rosalba Panvini, che era ormai prossima al pensionamento.

Monte San Paolillo sta per essere trasformato in un condominio nonostante sulla zona vi siano dei vincoli paesaggistici e archeologici. Vi è, infatti un cantiere in cui sta operando la Dusty immobiliare. Lo scalpore nasce dal fatto che all’interno dell’area vi siano delle postazioni di difesa aerea risalenti alla Seconda Guerra Mondiale, dei resti di un monumento funerario romano e altri risalenti all’età del bronzo, di notevole importanza archeologica.

Ripercorriamo la storia delle autorizzazioni alla luce dei nulla osta rilasciati dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali negli anni alla Dusty immobiliare, di cui abbiamo copia.

La storia inizia il 25 luglio del 2007 quando la Soprintendenza risponde alla Dusty immobiliare a un’istanza avente oggetto: “Progetto di demolizione e ricostruzione di due fabbricati in via Pietro dell’Ova”. Nonostante il “territorio del Comune indicato in oggetto”, sia stato “sottoposto a vincolo di notevole interesse pubblico questa soprintendenza rilascia il nulla osta […] in quanto l’intervento proposto risulta compatibile con il paesaggio soggetto a tutela”. Poi la comunicazione si conclude con la frase: “Il Comune vorrà verificare l’ammissibilità dell’intervento rispetto a tutte le normative vigenti in materia di trasformazione urbanistica”. All’epoca il soprintendente era Gesualdo Campo.

Il 26 giugno del 2008 la Soprintendenza risponde positivamente ad una richiesta di variante al progetto precedentemente autorizzato della Dusty immobiliare. Il nulla osta ha  la stessa forma, vaga del precedente e anche gli stessi contenuti. Tra questi è citato il “vincolo di notevole interesse pubblico” del “territorio del Comune indicato in oggetto.

Il dubbio che tutto sia stato fatto regolarmente comincia a crescere e alimentato dalla richiesta della Dusty immobiliare alla Soprintendenza del “Rilascio ai fini dell’emissione del titolo abitativo in sanatoria”. Da qui la certezza che la costruzione è abusiva. La Soprintendenza da parere positivo ai fini di ottenere la sanatoria in data 25 agosto 2020.

La storia con la Soprintendenza ha il suo termine con la richiesta della ditta di costruzione, la Dusty immobiliare che in data 21 luglio 2020 chiede un’autorizzazione di un intervento di “variante al provvedimento del 2007 limitatamente la realizzazione al fabbricato 1 a due elevazioni fuori terra oltre ad un piano interrato da eseguirsi in via Pietro dell’Ova”. Qui in data 8 ottobre 2020 la Soprintendenza da parere favorevole pero con delle prescrizioni, di cui una è particolarmente interessante. “Considerato che l’immobile in oggetto ricade in un’area di alto interesse archeologico si prescrive che le attività del sottosuolo, quali strutture aggiuntive, sottoservizi, vasche e quanto altro siano effettuate sotto la sorveglianza di questa unità archeologica”. Tradotto significa che i lavori siano effettuati in presenza di un archeologo. Qui sappiamo per certo che nessun archeologo è stato presente  durante gli scavi ben visibili nella zona.

 

 

 

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.