25 Febbraio 2021

Sidra e Catania Rete Gas fusione con perplessità

Sidra e Catania Rete Gas fusione con perplessità
I sindacati: “Il sindaco ci convochi. Siamo perplessi sulla fattibilità del progetto”.
                    
Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec e Ugl chimici di Catania, hanno inviato una nota al sindaco del Comune di Catania, Salvo Pogliese, per chiedere un incontro urgente sul tema dell’ipotesi di fusione tra le aziende partecipate Sidra e Catania rete gas.

“C’è troppo silenzio attorno questa ipotesi e  ció preoccupa non poco sia i lavoratori che i sindacati. E questa preoccupazione cresce ogni giorno di più anche a seguito della mancata convocazione da parte di “Rete gas”, che ci è sembrata poco rispettosa nel confronti dei lavoratori  – affermano i segretari provinciali delle federazioni rispettivamente Jerry Magno, Giuseppe Coco, Alfio Avellino e Carmelo Giuffrida- Dalle ultime notizie che abbiamo potuto assumere tramite le stesse società, risulta che il progetto immaginato dall’Amministrazione comunale sta continuando a prendere forma. Ci dispiace non ci venga data la possibilità di contribuire  a questo processo di cambiamento; abbiamo  perplessità sull’effettiva fattibilità ed efficacia della proposta.

Asec Trade S.r.l.

Oltre I problemi connessi all’effettivo accorpamento delle due strutture organizzative, c’è da comprendere come si possa procedere alla fusione quando Sidra sarà compresa nell’iter del servizio idrico integrato e la gestione di “Catania Rete gas” dovrà essere regolata attraverso una gara pubblica. Pertanto – concludono Magno, Coco, Avellino e Giuffrida- riteniamo che questo sia il momento della massima chiarezza su quello che sarà il futuro delle due aziende, anche per dare risposta ai lavoratori, sempre più in ansia e in tensione”.

Ultimo aggiornamento

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto

Daniele Lo Porto (OdG Sicilia N^ 50259) Classe 1959. Giornalista professionista dal 1992. Sono stato capo dell'Ufficio stampa della Provincia regionale di Catania e redattore di Telecolor. Dal 1984 corrispondente del Giornale di Sicilia, dal 2020 di Tgs e di Freepressonline. Nel 2008 nominato Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.