19 Dicembre 2020

Ex Palazzo di cemento, Anastasi: “Trantino ha fatto il possibile, ma bisogna riformare le normative sugli appalti”

Ex Palazzo di cemento, Anastasi: “Trantino ha fatto il possibile, ma bisogna riformare le normative sugli appalti”

Gli alloggi popolari del celebre ex Palazzo di cemento di viale Moncada, un tempo simbolo di illegalità oggi totalmente riqualificato, non sono ancora stati consegnati alle famiglie assegnatarie. Ecco perché.

Asec Trade S.r.l.

Che gli assegnatari degli appartamenti di Torre Leone, ex Palazzo di cemento sito a Librino, non siano ancora andati ad arredare casa nuova per le feste, è evidente. Che i ritardi nell’assegnazione siano ormai sul filo della comprensione, pure. Per cui, il capogruppo di Grande Catania Sebastiano Anastasi aveva chiesto un’audizione all’Ottava commissione dell’assessore ai Lavori Pubblici Enrico Trantino, che si è svolta il 17 dicembre scorso, per chiarire le ragioni dei rimandi nella consegna delle chiavi di casa ai futuri inquilini di Torre Leone.

Anastasi ci fornisce quindi delucidazioni in merito all’incontro con Trantino sullo stadio dei lavori dei nuovi alloggi di edilizia popolare.

Siamo rimasti soddisfatti a metà per quanto riguarda l’iter che sta seguendo l’amministrazione in materia di norme che regolano gli appalti pubblici e i finanziamenti pubblici. Ci sono troppi cavilli che rallentano ogni cosa. Oggi abbiamo appreso da parte dell’assessore Trantino che i ritardi sono frutto di questioni legate all’impresa, su cui l’amministrazione non può e non deve fare ingerenze. Giorno 23 ci sarà un nuovo incontro col sindaco per valutare la situazione, anche se l’assessore Trantino non ha fornito date per la consegna ribadendo, appunto, che non dipende dall’amministrazione. L’immobile è pronto e sono stati attivati tutti i protocolli. L’impresa avrà anche le sue ragioni, ma la realtà è che non c’è una riforma seria degli enti locali e degli appalti. Se si fossero applicate le normative sugli appalti il ponte Morandi, frutto di una deroga, oggi non ci sarebbe. Come dire: se non applichi le eccezioni, non puoi portare a termine le opere pubbliche.

La questione del Palazzo di cemento parte con l’amministrazione Stancanelli fino a oggi: tre amministrazioni e, nonostante l’assessore Trantino abbia fatto ogni azione possibile e immaginabile compatibile con la legge per sollecitare questi lavori, ancora siamo qui.

Ultimo aggiornamento

Mari Cortese

Mari Cortese

Mari Cortese docente, redattrice e content creator per i social. Appassionata di enogastronomia, tradizioni e arti visive.