21 Agosto 2020

Strade sporche a Catania. Cantarella: «Spazzino i dirigenti Dusty». La risposta dell’Azienda

Strade sporche a Catania. Cantarella: «Spazzino i dirigenti Dusty». La risposta dell’Azienda

La Dusty, in difficoltà dall’assenza di quattro dipendenti su settanta, lascia per qualche ora delle strade sporche a Catania. Dall’Azienda: «Evento improvviso». Cantarella: «I dirigenti strapagati farebbero bene a prendere la scopa e pulire».

La polemica ha inizio da un disservizio sul servizio porta a porta della raccolta dei rifiuti. La Dusty non riesce nell’immediato a sopperire all’assenza di quattro dipendenti su settanta impegnati nel servizio notturno. Da qui delle lamentele. La Dusty chiarisce con un comunicato stampa i motivi del disservizio. Stamattina un post su Facebook dell’assessore all’Ecologia Fabio Cantarella che testimonia una via Etnea cosparsa di rifiuti.

Asec Trade S.r.l.

Dietro il disservizio le norme anti Covid

Sul disservizio nella raccolta porta a porta l’Azienda specifica che sono venuti meno al servizio quattro dipendenti su settanta impegnati nel servizio notturno del porta a porta. L’assenza, specifica l’azienda, è stata dovuta all’applicazione dei protocolli anti Covid. In particolare: “Solo un dipendente, a cui ad un parente congiunto è stata rilevata la positività al COVID 19, è stato posto in isolamento obbligatorio nel proprio domicilio su disposizione dell’Asp di Catania: l’azienda ha posto  precauzionalmente in ferie tre (3) operatori che ogni sera lavoravano a stretto contatto con il predetto dipendente, richiedendo all’Asp la possibilità di eseguire i tamponi ad una platea di circa 70 operatori che, per vari motivi, avevano svolto la propria attività lavorativa nel turno di notte negli ultimi 20 giorni; l’azienda ha quindi fatto eseguire, a proprie spese, i tamponi al personale interessato da tale fenomeno, risultati, poi, tutti negativi”.

Cantarella a Dusty: «Non accampate scuse»

L’assessore Cantarella in risposta questa mattina su Facebook scrive. «La Signora Dusty e i suoi dirigenti, strapagati dai cittadini catanesi, FAREBBERO BENE A PRENDERE LA SCOPA E VENIRE A DARE UNA BELLA PULITA ALLA CITTÀ, piuttosto che continuare a inviare imbarazzanti comunicati stampa quasi a contestare le legittime critiche mie e di centinaia e centinaia di cittadini che giustamente mi hanno scritto per segnalare disservizi variSappiamo bene che esiste una significativa sacca di inciviltà (interna ed esterna a Catania) alla quale daremo una bella scossa con le misure previste nel nuovo appalto, ma i disservizi del dopo ferragosto sono inaccettabili e un’azienda seria piuttosto che accampare scuse di ogni tipo dovrebbe semplicemente scusarsi e attivarsi immediatamente per ripristinare il decoro! Sanzionaremo ancora una volta ogni singolo ritardo !». Infine Cantarella invita a segnalare i disservizi al suo numero su whatsApp.

La risposta della Dusty: «Molto dipende dal senso civico dei cittadini»

L’Azienda riferisce a freepressonline che “In delle strade, e tra queste anche quelle centrali come la via Etnea non è previsto lo spazzamento tutti i giorni”. Poi richiamano, come anche più volte fatto da Cantarella, al senso civico dei cittadini. “Sul decoro delle strade vi sono tre componenti: il Comune che controlla, l’azienda che esegue il servizio e i cittadini che devono collaborare, ma quest’ultimi quasi mai lo fanno”, precisano da Dusty.

Poi vi è il fenomeno del pendolarismo dei rifiuti, che Dusty non nasconde ne l’esistenza ne la portata anzi analizzano e ci dicono che: «Noi andiamo bene in altri Comuni. Una componente per cui a Catania la raccolta differenziata va male è certamente dovuta a tutti quelli che gettano i loro rifiuti “in casa altrui”».

Dusty lamenta inoltre che alcuni disservizi non sono ad essa imputabili. Come esempio riferiscono che in questi giorni non hanno potuto eseguire la raccolta dei materassi poiché i punti di conferimento, indicati dal Comune e gestiti da privati, sono stati chiusi. “Abbiamo raccolto fino a riempire i nostri spazi di contenimento, poi abbiamo dovuto interrompere la raccolta in attesa dell’avvenuta riapertura dei punti”. Infine sottolineano: «Nel corso degli anni abbiamo tenuto diversi incontri per la sensibilizzazione alla raccolta differenziata. Lavoriamo per Catania e per i catanesi, quindi non capiamo la polemica».

A giorni il nuovo bando sui rifiuti

Cantarella oggi ha preannunciato su Facebook che la Srr trasmetterà a giorni il nuovo bando al Comune. Per l’assessore il conferimento dell’incarico rappresenterebbe una gratificazione morale per l’impegno profuso giornalmente, per la città invece una svolta epocale.

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.