29 Febbraio 2020

Palermo. Corruzione e arresti al comune. L’USB: “Una città ostaggio”

Palermo. Corruzione e arresti al comune. L’USB: “Una città ostaggio”

Consiglieri comunali e funzionari del Palazzo delle Aquile in manette per una serie di reati, fra cui la corruzione. C’è un pentito di mafia che sta parlando con gli inquirenti di quello che sembra sembra una fotocopia di quando è successo negli anni della dinastia democristiana, quella che era una sorta di cosca affiliata ai Corleonesi di Toto’ Reina. Oggi Palermo non è quella di Ciancimino, ma le zone franche utilizzate dal malaffare ci sono e non sono neanche tanto nascoste, infatti si trovano anche all’interno dello stesso comune.
” Alla luce dei fatti giudiziari che hanno investito il Consiglio Comunale e burocrati del Comune di Palermo – dichiara Sandro Cardinale, responsabile della Federazione del Sociale USB Palermo – e
da quello che emerge da quello che riportano le testate giornalistiche, i gravi atti di corruzione o tentata corruzione da parte di chi dovrebbe decidere la qualità di vita dei palermitani è tristissimo. Roba che ci riporta indietro negli anni, azioni che tengono in ostaggio un’intera città.
Città ostaggio anche non votando i regolamenti, se non per ottenere qualche migliaia di euro o aver garantita qualche migliaio di voti”.

Asec Trade S.r.l.

“Attualmente – continua il sindacalista – abbiamo a Palermo un Consiglio Comunale che fa acqua da tutti i lati, disorientando chi nello stesso Consiglio ha voglia di fare.
La politica non è e non può essere business! Tanti sono i regolamenti bloccati al Consiglio Comunale, regolamenti che migliorerebbe lo stato generale della città e la qualità di vita dei palermitani. Fra i regolamenti importanti bloccati al Consiglio ci sono quelli sui rifiuti e sull’edilizia popolare, temi fondamentali per risollevare la città dallo stato di degrado. In questo scongertante scenario è
apprezzabile lo sforzo immane che fa “Sinistra Comune” all’interno del Consiglio Comunale, la quale non si rivede in quelle torbide dinamiche”.

Concludendo, Sandro Cardinale si esprime sulla tanto discussa e anche contestata ZTL notturna: ”
L’ approvazione della ZTL notturna, per noi della Federazione del Sociale USB Palermo è una misura importante per migliorare la qualità di vita dei cittadini. Ma non perdiamo di vista l’eventuale calo di affari e conseguenti licenziamenti, e per evitare questo l’amministrazione comunale deve mettere nelle condizioni i fruitori della movida di poter raggiungere il centro agevolmente e, di conseguenza, garantire agli esercenti potenziali condizioni di livelli economici” .

Ultimo aggiornamento

Orazio Vasta

Orazio Vasta