04 Ottobre 2019

Catania, aggressione all’Ospedale Garibaldi Nesima: due medici trasportati al Pronto Soccorso

La cronaca locale ci riporta la notizia di un’aggressione all’Ospedale Garibaldi Nesima di Catania. Le vittime di un paziente adirato sono due medici, che sono stati trasportati tempestivamente al Pronto Soccorso e riportano contusioni.

Asec Trade S.r.l.

Aggressione all’Ospedale Garibaldi Nesima

Due medici del reparto di Otorinolaringoiatria sono stati letteralmente aggrediti da un paziente. Il tutto per una ricetta che riportava la data antecedente di 4 giorni, nonostante la dicitura fosse ‘visita d’urgenza‘. Il medico così ha chiamato i colleghi del Pronto Soccorso per avere chiarimenti a riguardo. Il protocollo, infatti, non include tra le visite d’urgenza quelle effettuate 4 giorni dopo. Il paziente, stando così le cose, avrebbe dovuto fare una nuova ricetta.

Proprio a questo punto si sarebbe verificata l’aggressione sia nei confronti del medico che gli aveva ‘negato’ la visita, sia verso un altro che era arrivato sul posto per risolvere la situazione al collega. Poi il paziente è riuscito a scappare senza alcuna conseguenza.

Continua dopo la foto

ospedale pronto soccorso

Fonte Foto: unionesarda.it
Immagine di repertorio.

La nota del direttore dell’ospedale

Il direttore generale dell’ospedale Fabrizio De Nicola, in una nota, scrive: “Siamo vicinissimi ai due medici aggrediti oggi al Garibaldi Nesima, a cui ovviamente va anche la solidarietà e il sostegno della direzione strategica. Ne conosciamo bene le doti umane, oltre che le indiscutibili qualità professionali, e saremo accanto a loro anche in eventuali azioni legali che vorranno intraprendere contro l’aggressore“.

Poi conclude: “Peraltro, occorre sempre ricordare che queste azioni ignobili finiscono sempre per provocare un’interruzione di pubblico servizio e un disagio evidente per quei cittadini, per fortuna la maggioranza, che rispettano le regole“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione