27 Agosto 2019

Agrigento, demolizione case popolari inagibili: la svolta dopo sette anni

Dopo sette anni di discussioni sul da farsi ecco che arriva la svolta: a Ribera, in provincia di Agrigento, si avrà la demolizione di alcune case popolari dichiarate inagibili e, allo stato attuale, occupate abusivamente.

Asec Trade S.r.l.

Demolizione case popolari inagibili

Sono sessanta le case popolari in Largo Martiri di Via Fani a Ribera, in provincia di Agrigento, che verranno demolite. Nel 2012, la Procura di Sciacca le dichiarò non agibili perché costruite con calcestruzzo depotenziato.

Nel frattempo, però, le case erano diventate la dimora di extracomunitari che le occupavano abusivamente, senza le dovute autorizzazioni. Per di più, tutte le abitazioni erano prive di luce e acqua. Tempestivamente, è stato detto agli abusivi di sgomberare i locali.

Continua dopo la foto

demolizione case

Fonte Foto: gds.it

Lavori da 10 milioni di euro

Nonostante numerose polemiche sulla gara d’appalto e la lentezza burocratica, i lavori inizieranno proprio il 27 agosto, pur essendo in ritardo rispetto alla tabella di marcia. L’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone si è recato proprio a Ribera mentre era in corso la fase della bonifica. Dopo, si è proceduto all’affidamento dell’area alla ditta. L’assessore, in occasione della sua visita, ha dichiarato: “Le abitazioni popolari sono un esempio del peggior caso di degrado abitativo dell’Isola“.

Ora è il momento, infatti, della demolizione e della successiva riqualificazione del quartiere. Il costo totale per l’eliminazione definitiva delle sessanta case dichiarate inagibili nel 2012 è di 10 milioni di euro, una cifra non indifferente ma si tratta di una scelta che andava fatta.

Infine, Marco Falcone ha aggiunto: “Quella che stiamo per risanare è una ferita personale non solo per tanti nuclei familiari, ma anche per l’intera comunità riberese. Grazie allo sblocco di un intervento da oltre 10 milioni di euro il Governo Musumeci riqualificherà un intero quartiere, restituendo dignità alla città di Ribera“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione