31 Luglio 2019

Centrale di ricettazione a San Cristoforo, per la Questura: “Merce di chiara provenienza furtiva”

A San Cristoforo, quartiere periferico di Catania, la Polizia ha scovato una centrale di ricettazione e contraffazione. Subito due cittadini sono stati denunciati e, per quanto riguarda tutti gli oggetti trovati all’interno, la Questura ha detto: “Si tratta di merce di chiara provenienza furtiva“.

Asec Trade S.r.l.

Centrale di ricettazione a San Cristoforo

Nell’ambito del meticoloso lavoro della Polizia di Stato, mentre una volante si trovava in Via Naumachia nel quartiere San Cristoforo, un cittadino senegalese ha tentato di scappare dai controlli. Gli agenti, insospettiti dall’atteggiamento, hanno deciso di bloccare l’uomo e di perquisire anche la sua abitazione. Da lì, il sospetto è diventato realtà.

Casa sua, infatti, era adibita ad altro scopo: una centrale di ricettazione e contraffazione di merce che per la Questura è “di chiara provenienza furtiva“. All’interno, la Polizia ha individuato un altro cittadino senegalese.e vi erano anche diversi cd e dvd masterizzati pronti per essere illegalmente venduti, una macchina.da cucire computerizzata per produrre abbigliamento con marchi falsi, da destinare.successivamente alla vendita.

Ma non soltanto questo: i due senegalesi possedevano illegalmente anche alcuni tablet, cellulari, 50 autoradio, 3 televisori e una spada ‘katana’ con una lama di 60 cm, detenuta senza porto d’armi.

Continua dopo la foto

centrale di contraffazione san cristoforo

Fonte Foto: cataniatoday.it – Spada ‘katana’ con la lama di 60 cm, detenuta senza porto d’armi e ritrovata presso la centrale di ricettazione e contraffazione di San Cristoforo (Catania).

Due denunce

Due soggetti, uno di 31 e uno di 26 anni, di nazionalità senegalese sono stati denunciati in stato di libertà dalla Polizia di Stato. L’accusa è quella di ricettazione, contraffazione di marchi distintivi e detenzione abusiva di arma bianca.

La merce trovata, invece, è stata sottoposta a sequestro penale dalla Polizia che sta anche indagando per cercare di individuare i reali proprietari per restituire loro gli oggetti.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione