27 Luglio 2019

Catania, allevamento abusivo di cardellini: due denunce a Librino

A Catania, nel quartiere periferico di Librino, scattano due denunce per un allevamento abusivo di cardellini, specie di uccelli protetta, tra le altre cose, che non può essere né catturata e né detenuta.

Allevamento abusivo di cardellini

Nell’ambito di un servizio volto a reprimere il traffico di specie avifauna protetta.e la detenzione, oltre la cattura illecita, di specie di animali in natura, i Carabinieri.del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale.di Catania, coadiuvati dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei.Carabinieri del capoluogo etneo, hanno individuato due garage.a Librino, quartiere periferico di Catania, adibiti a.allevamento abusivo di uccelli, ma soprattutto di cardellini, specie protetta.

Due denunce a Librino

Nel corso degli accertamenti, quindi, è emerso che i locali, appartenenti al Comune di Catania, erano occupati abusivamente da due soggetti che sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria. Nello specifico, sono stati trovati 12 esemplari di cardellini e anche una Testudo Hermanni, tartaruga di terra, la cui detenzione e il commercio è vietato se non previa certificazione CITES. Un’apposita ‘legge sulla caccia’, la n. 157 del 1992, in particolare, tutela i cardellini che non possono essere catturati né tenuti con sé.

I due uomini non erano in possesso di alcuna documentazione che testimoniasse l’acquisto delle specie suddette e/o autorizzazione alla detenzione. I Carabinieri li hanno, pertanto, prontamente denunciati anche per tale motivo che si somma all’accusa di ricettazione e invasione degli edifici.

Continua dopo la foto

cardellini allevamento a librino

Fonte Foto: lasicilia.it

Cardellini in libertà e tartaruga in custodia giudiziale

L’esito del servizio dei Carabinieri ha portato, dopo il nulla osta dei servizi veterinari dell’Asp di Catania, alla liberazione dei cardellini in un habitat naturale per loro idoneo. La tartaruga, tra le altre cose anche a rischio estinzione, invece, è in custodia giudiziale alla Ripartizione Faunistico Venatoria di Catania.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione