09 Luglio 2019

Agrigento, acqua pubblica prelevata illegalmente: tre arresti

Agrigento, acqua pubblica prelevata illegalmente: tre arresti

La cronaca locale odierna ci riporta ben due casi di acqua pubblica che viene prelevata illegalmente. Il primo si è verificato a Licata, dove sono scattati due arresti, e il secondo a Montallegro, dove un pensionato è finito ai domiciliari.

Asec Trade S.r.l.

Operazione ‘Tolleranza zero’

Proprio ad Agrigento inizia l’operazione ‘Tolleranza zero‘ che è volta a impedire il prelievo illegale di acqua pubblica che integrerebbe perfettamente gli estremi del reato di furto. Le verifiche, per lo più, sono iniziate a seguito di segnalazioni che sono state raccolte dai Carabinieri provenienti dai cittadini e non solo.

Acqua pubblica prelevata illegalmente: caso di Licata

A Licata, i Carabinieri hanno individuato, all’interno di un terreno agricolo, un grosso bacino idrico alimentato con un tubo dal quale fuoriusciva acqua. Fin qui nulla di strano, se non fosse che effettuando analisi più dettagliate, i militari sono arrivati ad un pozzetto d’acqua pubblica, seguendo la tubazione per circa 2 km.

I due uomini, di quarantanni, proprietari del terreno non hanno espresso alcuna motivazione ai Carabinieri e sono stati arrestati e posti ai domiciliari per il prelievo illegale di acqua. La tubazione e l’invaso idrico, che conteneva migliaia di litri d’acqua pubblica, sono stati sequestrati. L’accusa è, quindi, quella di furto aggravato.

Continua dopo la foto

allacci abusivi

Fonte Foto: agrigentonotizie.it

Il secondo caso a Montallegro

Il secondo caso di prelievo fraudolente di acqua pubblica vede come protagonista un pensionato di 72 anni di Montallegro, in provincia di Agrigento. In questo caso, l’uomo riforniva l’acqua della sua piscina tramite l’acqua pubblica gestita da Girgenti Acque. Aveva realizzato un vero e proprio allaccio abusivo ad hoc.

Con la stessa accusa dei due braccianti di Licata, il pensionato è stato posto ai domiciliari, in attesa del processo per direttissima. Questo è quanto è stato disposto dal pm di turno.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione