01 Giugno 2019

Catania, picchia a sangue la figlia di 15 anni: arrestato un uomo di 37 anni

Una nuova violenza familiare consumata ai danni di una minorenne. Un uomo di 37 anni, infatti, picchia a sangue la figlia di soli 15 anni. Prontamente è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. L’episodio è avvenuto a Fiumefreddo di Sicilia, in provincia di Catania.

Asec Trade S.r.l.

Picchia a sangue la figlia di 15 anni

Un uomo di 37 anni, in piena notte, a Fiumefreddo di Sicilia, in provincia di Catania, ha picchiato a sangue la figlia di 15 anni, per futili motivi. Il tutto si è consumato con una violenza inaudita e, per di più, sotto gli occhi dell’ex coniuge di 42 anni e il figlio di 2 anni, che sono rimasti visibilmente turbati dall’accaduto.

In attesa della convalida da parte del giudice

La violenza consumata contro la figlia è costata cara al padre, dato che è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Giarre con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. picchia a sangue la figlia di 15 anni

Il trentasettenne, padre della ragazza di 15 anni che è stata picchiata a sangue, è in attesa della convalida da parte del Gip. Nel frattempo è stato portato presso il carcere di Catania, sito in Piazza Lanza. picchia a sangue la figlia di 15 anni

Continua dopo la foto

Violenza sessuale a firenze

Immagine di repertorio

Le condizioni di salute della minorenne

La ragazza di 15 anni è stata prontamente trasportata al Pronto Soccorso e, attualmente, si trova presso.il presidio ospedaliero San Vincenzo di Taormina, in osservazione. La minorenne, dopo essere stata picchiata a sangue dal padre, ha riportato un trauma.cranico, un trauma contusivo piramidale nasale, all’addome e al padiglione auricolare sinistro. Il tutto accompagnato da numerose ecchimosi, escoriazioni.in tutto il corpo e i medici le hanno dato una prognosi di 21 giorni. picchia a sangue la figlia di 15 anni

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione