17 Maggio 2019

Milano, anziano scopre lettere della moglie all’amante inviate trenta anni prima e tenta il suicidio

La cronaca nazionale ci riporta una notizia un po’ insolita: un anziano scopre delle lettere della moglie all’amante, inviate trenta anni prima, e tenta il suicidio. Per fortuna è stato salvato dalla Polizia, prima del folle gesto.

Asec Trade S.r.l.

Anziano scopre lettere della moglie all’amante

Un uomo di 73 anni, casualmente, scopre nel suo appartamento sito in zona Lampugnano a Milano, delle lettere scambiate tra la moglie e l’amante trenta anni fa e, per questo, decide di farla finita.

Un presunto tradimento, dunque, che risalirebbe alla fine degli anni Ottanta, una parentesi quindi, probabilmente, chiusa. Ugualmente, è rimasto scosso talmente tanto da non riuscire a pensare ad altro se non al suicidio.

Tentato suicidio

L’anziano ha così provato a lanciarsi dalla finestra, ma i familiari sono riusciti a bloccarlo prima. Successivamente, è uscito dal suo appartamento per tentare nuovamente il suicidioanziano scopre delle lettere della moglie all’amante

Tutto pianificato alla perfezione, o quasi: l’uomo decidere di passare a salutare il figlio, che risiede in un altro quartiere, prima di impiccarsi con una corda. La moglie, però, più giovane di lui di pochi anni, ha contattato la Polizia, non riuscendo a rintracciare il marito.

Continua dopo la foto

lettere antiche

immagine di repertorio – lettere antiche

Una ricerca complicata da parte della Polizia

Gli agenti hanno trovato l’anziano di 73 anni in Via Lombardini, zona Navigli, seduto in auto con accanto la corda che doveva essere l’arma con la quale avrebbe dovuto uccidersi. anziano scopre delle lettere della moglie all’amante

Non è stato facile, dato che l’uomo aveva disattivato l’applicazione che indicava la posizione gps. Quando l’uomo ha visto i poliziotti è esploso in un pianto liberatorio senza fine e non ha compiuto il folle gesto. anziano scopre delle lettere della moglie all’amante

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione