06 Aprile 2019

Firenze, ragazza americana violentata in un disco pub

Dopo quando successo Catania, un’altra ragazza americana è stata vittima di violenza sessuale. Questa volta i fatti si sono verificati a Firenze, in un noto locale della movida fiorentina.

Firenze, ragazza americana violentata

La storia si ripete ma in un’altra regione d’Italia? Nel corso delle ultime settimane abbiamo avuto modo di raccontare la triste vicenda di una ragazza americana che è stata violentata a Catania. La giovane, che lavorava come ragazza alla pari in una famiglia siciliana, è stata attirata in una trappola da tre giovani che hanno approfittato di lei e non sol. Secondo quanto reso noto, esisterebbero anche i filmati della violenza e delle registrazioni fatte dalla giovane che ha chiesto aiuto anche ad un amico.

Asec Trade S.r.l.

Una episodio simile è capitato anche a Firenze dove una ragazza, una studentessa di 20 anni, anche questa è americana, è stata violentata in un disco pub.

Avviato il ‘Codice Rosa’ a Careggi

Secondo quanto reso noto anche dall’Ansa, una nuova violenza sessuale si è verificata a Firenze in un disco pub nel cuore della città. A denunciare il tutto è stata una ragazza americana di 20 anni quando si è recata all’ospedale di Careggi, accompagnata dalle amiche intorno alle 7:00 del mattino.

La ragazza in un primo momento ha raccontato tutto agli agenti delle volanti che l’hanno poi messa in contatto con i medici della struttura ospedaliera che hanno avviato il ‘Codice Rosa‘, che scatta nei casi di presunti abusi. Nell’articolo dell’Ansa si legge anche: “La squadra mobile ha subito avviato le indagini e gli agenti, in attesa della formale denuncia che ancora non è chiaramente stata presentata, sono già a lavoro per verificare quanto successo nel disco pub”. Al momento gli agenti di polizia stanno acquisendo le testimonianze delle amiche della studentessa americana insieme alle immagini delle telecamere di videosorveglianza del locale e della zona

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook e Twitter o iscriviti al nostro canale Telegram!

 

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione