03 Aprile 2019

Ragazza americana violentata a Catania, confermato l’arresto per i tre ragazzi

Continua senza sosta l’attività investigativa per far luce sulla vicenda della ragazza americana violentata a Catania da tre ragazzi della città. L’aggressione sarebbe stata filmata con i telefoni cellulari e non solo. La giovane avrebbe anche chiesto aiuto, ma nessuno ha ascoltato il suo richiamo. Oggi, ecco che torna a parlare uno degli avvocati difensori dei giovani coinvolti.

Asec Trade S.r.l.

+++ AGGIORNAMENTO +++

Confermato l’attesto per i tre ragazzi

Nel corso della mattinata è stata resa nota la decisione del Tribunale del Riesame presieduto da Sebastiano Mignemi. È stata confermata l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Roberto Mirabella di 20 anni, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato accusati di violenza sessuale a danno di una diciannovenne americana.

I giudici hanno così respinto l’istanza avanzata che i legali dei tre ragazzi avevano presentato per sollecitare l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip per la quale avevano segnalato alcune presunte ‘contraddizioni’. Le motivazioni della sentenza saranno rese pubbliche tra 45 giorni.

Ragazza americana violentata a Catania

La diciannovenne protagonista di questa triste vicenda lavorava presso una famiglia catanese come ragazza alla pari, il modo più veloce ed efficace per imparare la lingua e inserirsi così nella nazione ospite usufruendo anche della protezione di una ‘famiglia’. Questo però non è bastato per la ragazza americana che sarebbe stata violentata a Catania da tre ragazzi della città. (Per approfondire la notizia Clicca Qui).

Secondo quanto reso noto la ragazza sarebbe stata avvicinata da i tre ragazzi in un locale di Piazza Teatro Massimo, convinta a bere qualche drink di troppo. Successivamente i quattro si sono allontanati dalla confusione e la giovane è sarebbe stata costretta a salire nella loro auto, con la quale l’hanno condotta in un luogo appartato nei pressi di Piazza Europa. Qui si è poi consumata la presunta violenza, filmata con i telefoni cellulari, tra i “Non voglio” della ragazza e i tentativi di questa di chiedere aiuto.

continua dopo la foto

“Non è come sembra”

Nel corso di queste settimane sono state tante le cose dette sulla violenza sessuale subito dalla ragazza americana, che nel frattempo ha deciso di lasciare Catania tornando a casa. A tornare sull’argomento è stato lo stesso avvocato Luigi Zinno, il quale ha confermato la presentazione di un ricordo al Tribunale del riesame contro l’ordinanza di custodia cautelate emessa dal Gip, Simona Ragazzi, per Roberto Mirabella di 20 anni, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato tutti e due di 19 anni.

L’avvocato Luigi Zinno, come reso noto anche da La Sicilia, ha dichiarato: “Non è come sembra, non è come è stato detto: ci sono importanti novità che emergeranno in aula e che daranno un’altra luce ai fatti accaduti“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione