07 Marzo 2019

Reddito Cittadinanza, il boss Spada pronto a fare richiesta

Reddito Cittadinanza, il boss Spada pronto a fare richiesta

A Ostia il boss della famiglia Roberto Spada è in lista per avere informazioni ed è fare richiesta per il Reddito di Cittadinanza.

Asec Trade S.r.l.

Roberto Spada pronto a chiedere il Reddito

La notizia è apparsa su Messaggero.it, ed è uno dei rischi connessi al Reddito di Cittadinanza, cioè che le famiglie malavitose, che spesso risultano nulla tenenti vadano a prendersi il sussidio dello Stato. Una bruttura del sistema, a cui non è stata messa una barriera. Ma giusto per questi soggetti non si è potuto fare nulla? Come è possibile? Si perché si è pensato agli stranieri, ai falsi divorziati, ai furbetti delle false residenze, ma nulla si è fatto contro gli appartenenti alle varie organizzazioni malavitose.

Condannati in primo grado per associazione mafiosa

Pertanto può succedere che lo spacciatore di droga del quartiere prenda il Reddito di Cittadinanza, mentre chi 10 anni fa ha comprato una auto da 1600 cc, per poi perdere il lavoro non lo prenda. Il primo avrà pure un contributo fino ad 280 euro al mese per l’affitto di casa, mentre il secondo nulla. Certo può essere che poi lo spacciatore o il piccolo delinquente con il reddito di cittadinanza si redima. Diverso il caso del boss Spada, che risulta nulla tenente, le indagini hanno accertato che case, macchine e vari beni di lusso sono tutti intestati a “prestanome“. Inoltre il legame di sangue, nelle famiglie mafiose, non tradisce. Un qualcosa di prevedibile e che a Ostia sta succedendo è pertanto che vari Spada, come riferisce il Messaggero, che cita un Caf della Cisl, abbiano preso appuntamento, il primo passo per richiedere il sussidio. Con buona pace delle varie operazioni di Polizia e la condanna in primo grado per associazione mafiosa.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione