06 Febbraio 2019

La complessità dell’accoglienza, educatori senza garanzia per il futuro

“Siamo lavoratori e lavoratrici del sociale, educatori, educatrici, mediatori, operatori sociali e legali Senza garanzie per il nostro futuro”. Questa la denuncia degli operatori che operano nel sociale.

“Siamo lavoratori e lavoratrici del sociale. Educatori, educatrici, mediatori, operatori sociali e legali. Facciamo il nostro lavoro con impegno e professionalità, ma subiamo la precarizzazione del lavoro, lo sfruttamento, il ritardo nei pagamenti. A scriverlo in una nota  è il Gruppo Educatori Catania.

Asec Trade S.r.l.

“Nessuna garanzia per il nostro futuro”

Ci viene chiesto di affrontare problematiche sociali complesse, senza avere nessuna garanzia per il nostro futuro, spesso senza neanche sapere se a fine mese riceveremo lo stipendio che ci spetta – continuano – Molti di noi lavorano nel settore delle migrazioni, settore che a causa della gestione miope ed emergenziale voluta dalla politica nazionale e locale negli ultimi anni, ha visto proliferare molte cooperative, alcune delle quali sono spesso più attente al profitto ed alla visibilità che al rispetto dei diritti dei lavoratori e delle persone accolte“.

Le preoccupazioni di Usb Coop Sociali

Sul problema occupazionale è intervenuto anche il sindacato Usb Cooperative Sociali. “Sono a rischio gli operatori e le operatrici di Sprar, Cara e Cas – dice il sindacato preoccupato dall’entrata in vigore del decreto Salvini.Sono circa 40mila gli esuberi degli addetti all’accoglienza in tutto il territorio italiano. È inaccettabile che il governo del cambiamento mentre annuncia il varo del Reddito di Cittadinanza  come misura di politica attiva, predisponga contemporaneamente il taglio netto di decine di posti di lavoro. A Professionalità e competenze, spesso precari e mal pagati, viene dato il ben un clamoroso ben servito“. A Roma il 13 febbraio alle ore 15, in via Giolitti 213, un assemblea degli operatori e operatrici del settore accoglienza per la salvaguardia dei posti di lavoro e per l’apertura di un tavolo di crisi al Ministero del Lavoro.

Continua dopo la foto

Per questo motivo, dopo l’incontro con USB Federazione del Sociale di novembre, vi invitiamo a discutere del sistema di accoglienza in Italia Presenteremo il libro collettivo “il sistema di accoglienza in Italia: esperienze, resistenze, segregazioni.”, con una delle autrici, Yasmine Accardo“.

VENERDI 8 FEBBRAIO 2018 CSP G. Giuffrida VIA VITTORIO EMANUELE 436
!!A seguire cena a sottoscrizione!!

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione