21 Gennaio 2019

Tutti salvi i 393 migranti. Riportati in Libia. Nel 2019 sono 155 gli sbarcati in Italia

Sono stati salvati tutti e riportati in Libia i 393 migranti recuperati dalla Guardia Costiera del paese africano. In Italia nel 2019, secondo il Viminale, sono stati 155 gli immigrati sbarcati in Italia. Lo scorso anno furono 2730.

Asec Trade S.r.l.

Salvini: “La collaborazione con la Libia funziona”

Matteo Salvini, ministro dell’Interno, ha commentato sottolineando che “La collaborazione funziona, gli scafisti, i trafficanti e i mafiosi devono capire che i loro affari sono finiti. Meno partenze, meno morti, la nostra linea non cambia”. I 393 migranti, recuperati dalla Guardia Costiera libica sono stati riportati nel paese africano. In particolare 143 a Tripoli, 144 a Misurata e 106 ad al-Khomos.

Migranti sbarcati in Italia diminuiti drasticamente

Secondo quanto riferito dal Viminale, i migranti sbarcati in Italia nel 2019 sono 155. L’anno scorso erano stati 2.730. Le nazionalità dichiarate al momento dello sbarco da parte dei migranti sono: 57 provenienti dal Bangladesh, 38 dall’Iraq, 31 dalla Tunisia, 13 dall’Iran, 9 dall’Egitto, 2 dalla Russia, 2 dal Sudan, 2 dal Pakistan, uno dal Gambia.

Di Maio: “La Francia impoverisce i paesi africani”

Il vicepremier e leader del M5S Luigi Di Maio ha spiegato, ai microfoni di Rtl 102.5, che l’Italia ha “richiamato la guardia costiera libica perché ci aspettiamo da loro i salvataggi in mare“. L’emergenza era scattata nella giornata di ieri. Di Maio durante la trasmissione radiofonica, ha spiegato che la Francia, con le sue politiche colonialiste “impoverisce l’Africa. Per far restare gli africani in Africa – ha sottolineato – basta che i francesi stiano a casa loro. La Francia cominci ad aprire i porti. I migranti li portiamo a Marsiglia finché non la smettono di stampare a Lione la moneta per l’Africa“.

Meloni: “Liberare l’Africa dagli europei”

Un caso specifico lo ha raccontato il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni alla trasmissione Che tempo che fa. “Il Burkina Faso è un paese molto ricco. Le risorse aurifere sono però sfruttate dal governo francese, che impone il 50% di tasse al paese. Un’altro caso è rappresentato dall’Uranio, che in Africa è molto presente. Con questo i transalpini alimentano le loro centrali nucleari, costringendo alla povertà gli africani“, ha detto la Meloni, che ha concluso dicendo che “bisognerebbe liberare l’Africa dagli europei, inoltre per fermare gli sbarchi e i morti in mare ci vuole il blocco navale“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.