07 Gennaio 2019

Usb contro mobilità e manovra: “Aliquote contro esiliati e niente stabilizzazioni”

Usb contro mobilità e manovra: “Aliquote contro esiliati e niente stabilizzazioni”

Usb ha una posizione contro la mobilità e manovra, inoltre sottolinea che il 32 dicembre è stata siglata l’ipotesi di Contratto integrativo di mobilità per il triennio 2019/2022, che riguarda il personale docente, educativo e ATA della scuola.

Ipotesi di contratto condanna alla mobilità al Nord

È a firma di Usb Pi Scuola il comunicato stampa con il quale viene spiegato che “Con la loro firma, Cgil-Cisl-UIL-Snals-Gilda hanno condannato i docenti titolari al Nord all’esilio eterno. Per quanto riguarda le aliquote è stato stabilito che, fermo restando il 50% di disponibilità riservato alle immissioni in ruolo, il restante 50% per il prossimo triennio sarà ripartito in questo modo:

Asec Trade S.r.l.

– 2019-20: 40 % ai trasferimenti interprovinciali e 10% ai passaggi di ruolo;

– 2020-21: 30% ai trasferimenti interprovinciali e 20% ai passaggi;

– 2021/22: 25% ai trasferimenti interprovinciali e 25% ai passaggi.

Consideriamo questa firma l’ennesimo atto di guerra contro i docenti esiliati. Le aliquote e le cattedre destinate ai trasferimenti, infatti, si riducono anno dopo anno, limitando notevolmente la possibilità di rientro”.

“Vincolo inaccettabile”

Allo stesso tempo – continua il comunicato – se da un lato il ripristino della titolarità su scuola e l’eliminazione degli ambiti territoriali non aggiungono nulla alle intenzioni del governo – tanto che il contratto non fa altro che recepire ciò che è in discussione in Parlamento – consideriamo l’obbligo di permanenza triennale imposta dal contratto, voluto da Cgil-Cisl-UIL-Snals-Gilda nello scorso rinnovo contrattuale, un vincolo inaccettabile e incostituzionale: tutti i lavoratori saranno costretti a una permanenza triennale coatta nella scuola ottenuta con il movimento, fatto che impedisce l’adeguamento delle condizioni di lavoro a quelle della vita di ciascuno di noi”.

“Speranze deluse”

Il sindacato sperava “che il contratto potesse affrontare, finalmente, alcune questioni che da anni restano irrisolte, come l’equiparazione tra superamento concorso e superamento SISS, o l’ingiusta differente tabella di valutazione dei titoli tra graduatoria interne d’istituto e mobilità“.

Inoltre si aspettavano da Usb “che la legge di bilancio stanziasse fondi per ampliare realmente gli organici, dando sollievo alla piaga strutturale che è il precariato nella scuola, stabilizzando migliaia di docenti che vengono annualmente utilizzati ma che non riescono ad avere continuità, stabilità, concretezza (per utilizzare parole care a questo governo che ne ha stravolto il senso). Avremmo sperato che con la trasformazione dell’organico di fatto in diritto finalmente si potesse realizzare il doppio obiettivo di immettere ruolo tutto i tantissimi precari della Gae, abilitati e con 36 mesi di servizio, permettendo anche ai docenti esiliati di tornare”.

“Si persevera nel disinvestimento nella scuola”

“Niente di tutto questo! Cgil-Cisl-UIL-Snals-Gilda da anni firmano contratti capestro – continuano da Usb – che non risolvono i nodi irrisolti dei precedenti contratti, andando ad inserire invece continui vincoli temporali e aggravando la situazione drammatica dei docenti esiliati. Il governo, anche quello “del cambiamento”, persevera nel disinvestimento nella scuola e nell’istruzione tutta. USB Scuola continuerà a lottare per una giusta mobilità, per la possibilità di rientro di tutti coloro che ne hanno diritto e l’immissione in ruolo di tutti i precari delle Gae, abilitati e con 36 mesi di servizio”.

Vuoi rimanere sempre connesso?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione