04 Gennaio 2019

Polemiche Decreto Sicurezza, Palazzo Chigi: “Inaccettabili”

Divampano la polemiche sul Decreto Sicurezza, nella serata di ieri Palazzo Chigi ha definito “Inaccettabili” le posizioni dei sindaci dissidenti.

Asec Trade S.r.l.

Il provvedimento del sindaco di Palermo Leoluca Orlando a bloccare l’applicazione del Decreto Sicurezza ha fatto riemergere i malumori di parecchi primi cittadini contro il dispositivo voluto da Salvini. Anci si è dichiarata schierata contro l’applicazione del decreto, ma emerge il fronte dei sindaci a sostegno della sua applicazione.

Salvini e Di Maio: “Inaccettabili”

I vicepremier Salvini e Di Maio hanno definito i sindaci dissidenti come “traditori”. Palazzo Chigi definisce queste prese di posizione “inaccettabili”. Nello stesso tempo apre al dialogo per “chiarire le difficoltà applicative”. Tra i sindaci vi sono chi rifiuta l’applicazione della legge, chi si è espresso in modo critico ma anche chi è favorevole. Una trentina di primi cittadini, infatti ha scritto all’Anci in favore del decreto. Salvini non vuole sentire parlare di colloqui e rivisitazioni del testo, infatti ha dichiarato che:“Con tutta la buona volontà il decreto sicurezza lo abbiamo già discusso, limato per tre mesi e migliorato. Lo ha firmato il presidente della Repubblica e adesso questi sindaci vorrebbero disattendere una legge firmata al presidente della Repubblica?”.

Tra i sindaci “equilibrati” vi sono Federico Pizzarotti di Parma e Salvo Pogliese di Catania (clicca qui per approfondire), che hanno sottolineato nella loro disamina che vi è l’obbligo di seguire le vie istituzionali per le verifiche costituzionali delle leggi (Corte Costituzionale ndr.).

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

Salvo Giuffrida

Salvo Giuffrida

Salvatore Giuffrida (OdG Sicilia N^ 171391). Classe 1970 giornalista (ex chimico). Il mio motto: “Seguire ma mai inseguire”.