02 Gennaio 2019

Papa Francesco prima udienza generale del 2019: “Meglio atei che ipocriti”

Durante la prima udienza generale del 2019 Papa Francesco ha parlato dei cristiani-non cristiani, cioè di coloro che vanno in Chiesa ma poi non predicano la parola di Dio, perché hanno atteggiamenti che non rispecchiano i canoni del buon seguace di Cristo.

Asec Trade S.r.l.

Chi è un vero cristiano?

Cosa si intende per cristiano? Colui che va sistematicamente a Messa ogni domenica per essere “in pace” con la propria coscienza o chi, invece, nei comportamenti si mostra attento ai bisogni del prossimo, pur non prendendo parte alla celebrazione eucaristica? Partiamo col dire che l’identikit del buon cristiano riassume sia l’andare a Messa, non solo per le feste comandate, e sia testimoniare con il proprio comportamento la parola di Dio.

Papa Francesco, durante la sua prima udienza generale del 2019, si è soffermato a lungo su questo tema. Ha detto: “Tutte le persone capaci di amore, gli operatori di pace che fino ad allora erano finiti ai margini della storia, sono invece i costruttori del Regno di Dio. È come se Gesù dicesse: avanti voi che portate nel cuore il mistero di un Dio che ha rivelato la sua onnipotenza nell’amore e nel perdono! Il cristiano non è uno che si impegna ad essere più buono degli altri: sa di essere peccatore come tutti. Il cristiano semplicemente è l’uomo che sosta davanti al nuovo Roveto Ardente, alla rivelazione di un Dio che non porta l’enigma di un nome impronunciabile, ma che chiede ai suoi figli di invocarlo con il nome di ‘Padre’, di lasciarsi rinnovare dalla sua potenza e di riflettere un raggio della sua bontà per questo mondo così assetato di bene, così in attesa di belle notizie“.

Prendere le distanze da cristiani ipocriti e pagani

Il Pontefice dice anche di prendere le distanze dai cristiani ipocriti che pregano per essere ammirati, e li considera uno “scandalo” per la Chiesa. Ecco le parole del Sommo Padre: “E quante volte noi vediamo lo scandalo di quelle persone che vanno in chiesa e stanno tutta la giornata lì o vanno tutti i giorni e poi vivono odiando gli altri o parlando male della gente. Questo è uno scandalo! Meglio non andare in chiesa! Vivi così, come ateo. Ma se tu vai in chiesa, vivi come figlio, come fratello e dà una vera testimonianza, non una contro-testimonianza“.

E poi continua: “La preghiera cristiana non ha altro testimone credibile che la propria coscienza, dove si intreccia intensissimo un continuo dialogo con il Padre“. Bisogna allontanare dalla propria vita anche i pagani: “Io penso a tanti cristiani che credono che pregare è ‘parlare a Dio come un pappagallo’. No! Pregare si fa dal cuore, da dentro. Tu invece, secondo quanto insegna Gesù, quando preghi, rivolgiti a Dio come un figlio a suo padre, il quale sa di quali cose ha bisogno prima ancora che gliele chieda (cfr Mt 6,8)“.

Continua dopo la foto

Papa Francesco 2019

Fonte Foto: sanfrancescopatronoditalia.it

“La bellezza eleva il cuore e ci fa più buoni”

La vera forza dell’essere cristiano è donare senza aspettarsi nulla in cambio, proprio come fa Dio con il suo popolo. Il pontefice ha ricordato: “È bello pensare che il nostro Dio non ha bisogno di sacrifici per conquistare il suo favore! Non ha bisogno di niente, il nostro Dio: nella preghiera chiede solo che noi teniamo aperto un canale di comunicazione con Lui per scoprirci sempre suoi figli amatissimi. E Lui ci ama tanto. La bellezza eleva il cuore, ci fa più buoni, ci porta alla bontà, ci porta a Dio“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione