08 Dicembre 2018

Strage di Corinaldo il messaggio di Fedez: Non si può morire a un concerto

La strage di Corinaldo ha lasciato sotto shock anche diversi personaggi del mondo della musica. Nel corso delle passate ore è arrivato il messaggio di Sfera Ebbasta, Fedez ed Emis Killa.

Asec Trade S.r.l.

Strage di Corinaldo, 6 vittime ufficiali

Resta intatto il bilancio ufficiale della strage di Corinaldo, 5 ragazzi e la mamma di una di loro. I feriti sono 100, 7 di questi in gravi condizioni. Un momento di gioia, di musica, passione per un idolo del momento… Trasformato in tragedia, come già successo a Londra per il concerto di Aria Grande. La differenza tra i due casi è la seguente: quanto successo al di Aria Grande si parlò di attentato; questa volta il tutto è frutto di una stupida moda. Sparare spray al peperoncino ai concerti. A commentare l’accaduto è stato il rapper Sfera Ebbasta che ieri sera si stava esibendo nella discoteca e il Presidente Sergio Mattarella. (Per approfondire Clicca Qui).

Emis Killa: “Credo sia giunto il momento di…”

Uno dei primi a commentare la strage di Corinaldo è stato Emis Killa che nelle sue IG Stories ha pubblicato una serie di video dichiarando: “Ho appena appreso la triste notizia dei 6 morti di Ancora, al concerto di Sfera Ebbasta. Sono realmente senza parole. Non capisco sta moda del momento. A ogni concerto c’è qualche c******e che usa lo spray al peperoncino e queste sono le conseguenze. Sono un paio di mesi che questa cosa succede, soprattutto nei concerti rap“.

Credo che sia giunto il momento di prendere delle misure di sicurezza un può più serie, che i ragazzi vengano perquisiti all’ingresso dei locali– conclude Emis Killa-. Massima solidarietà nei confronti delle famiglie dove sono venute a mancare le persone, 5 ragazzi e una mamma. Mi dispiace“.

Continua dopo la foto

Emis Killa

Fedez: “Non l’ho capita e non la capirò mai”

Più duro e diretto Fedez che, attraverso Instagram, dichiara: “Che brutta cosa oggi, io non ho ancora perché è partita questa moda dello spray al peperoncino. Non l’ho capita e non la capirò mai… Non so se lo fanno per rubare, per divertirsi. Non si può morire per andare a un concerto. Questa cosa mi ha shoccato davvero. Ci tengo a dire due cose. Avendo girato l’Italia in lungo e in largo, dai posti più grandi ai localini più piccoli: bisogna stare attenti alle discoteche, bisogna controllarle. Molto spesso riempiono a tappo i posti solo per sbigliettare.. Non gliene frega niente della sicurezza. Non so se questo è il caso, (Si riferisce alla strage di Ancona ndr.) (Per approfondire Clicca Qui), però va fatto“.

Il rapper nelle IG Stories continua: “Comunque sia questa moda dello spray al peperoncino non ha proprio senso. La prima volta che ne ho sentito parlare è stato due anni fa quando è uscito Comunisti col Rolex tour. Qualcuno avrebbe spruzzato dello spray al peperoncino pare per rubare le persone distratte da questo“.

Continua dopo la foto

Fedez si ritira

Sono anche stupito dalle reazioni francamente. Da questa mattina leggo vari articoli e relativi commenti. Leggere commenti scritti da quarantenni padri famiglia nella pagina di Sfera Ebbasta tipo: ‘Non si può morire per andare ad ascoltare musica di m***a’. Ma neanche a delle tragedie del genere vi fermate? Tutta la mia vicinanza alle famiglie della vittime– conclude Fedez-. Queste cose non devono più succedere, anche se non sarebbero già dovute accadere. La via vicinanza anche a Sfero Ebbasta, non deve essere un bel momento per lui, nemmeno un momento facile da superare“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione