27 Novembre 2018

Palermo, furbetti del cartellino all’assessorato regionale Salute

Risultano essere indagati in 42 a Palermo, sono i furbetti del cartellino, che si sarebbero assentati complessivamente per 400 ore all’assessorato regionale della Salute.

Asec Trade S.r.l.

Furbetti all’assessorato Regionale della Salute

Sono stati gli uomini della Guardia di Finanza, coordinati dalla Procura di Palermo a scoprire  i casi di assenteismo. Questi riguardano l’assessorato regionale alla Salute di piazza Ottaviano Ziino a Palermo. L’attività di assenteismo ingiustificato era una prassi consolidata. I dipendenti pubblici la realizzavano con continui andirivieni gestiti in totale autonomia. Gli indagati gestivano i loro turni di servizio con presenze fittizie debitamente e furbescamente certificate.

Agivano collaborando fra loro

I furbetti del cartellino agivano in collaborazione fra loro attraverso lo  scambio dei badge e l’utilizzo improprio dei pc aziendali, riuscivano in modo sistematico ad attestare false presenze. Molti di loro risultavano regolarmente in servizio, ma nei fatti si recavano in ufficio anche con tre ore di ritardo. In questo lasso di tempo svolgevano faccende private quali per esempio la spesa o il parrucchiere e in taluni casi persino raggiungere località fuori Palermo.

Risultano 42 gli indagati. Arresti domiciliare per 11

A vario titolo risultano 42 gli indagati dell’assessorato regionale. L’accusa nei loro riguardi è di truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico e false attestazioni e certificazioni. Il Tribunale, su richiesta della Procura, ha emesso 11 arresti domiciliari, per altrettanti scatta l’obbligo di firma. Sono, invece 21 gli indagati a piede libero.

Sono 400 le ore fraudolentemente attestati

Le fiamme gialle hanno svolto la loro attività investigativa attraverso pedinamenti riscontri sul territorio e tramite l’utilizzo di microspie hanno consentito di smascherare il fenomeno di cd dipendenti fantasma, rilevando e censendo più di 400 ore fraudolentemente attestate ma in realtà mai rese.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione