20 Novembre 2018

Bambina immunodepressa a Padova, il gesto commovente

In un periodo storico dove molti genitori sono contro i vaccini. Ecco il gesto commovente che viene fatto per una bambina immunodepressa a Padova.

Asec Trade S.r.l.

Cosa significa essere immunodepressi?

Prima di raccontarvi la storia della bambina immunodepressa a Padova, iniziamo con lo spiegare cosa significa essere immunodepressi:.Si intende lo stato di un paziente che si trovi ad avere ridotte difese immunitarie per cause diverse. Per esempio in corso di infezioni anergizzanti, malattie croniche o trattamenti chemioterapici antitumorali“.

Bambina immunodepressa a Padova

Una storia che arriva da Padova e vede come protagonista una scuola primaria di Baone. Qui le famiglie hanno deciso di vaccinare i propri figli contro l’influenza al fine di non mettere a rischio una loro amichetta. Se la bambina immunodepressa venisse contagiata dal virus stagionale, infatti, potrebbe vedere la sua salute messa in serio pericolo. A prendere la stessa decisione anche dalla maestre che hanno a cuore l’incolumità della piccola, creando cos’è un’immunità di gregge.

Vaccini a Padova

“Grazie di cuore per questo atto di solidarietà”

A commentare l’accaduto è il direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta che, come riportato da TgCom, ha dichiarato:.In un mondo spesso concentrato sull’interesse personale questi bambini insieme alle loro famiglie e ai loro insegnanti ci insegnano molto. All’altro, a quello che evangelicamente viene definito il prossimo ovvero al nostro compagno di banco, al nostro vicino di casa,.al nostro dirimpettaio di scrivania, si può donare il nostro tempo,.la nostra attenzione, la nostra capacità di capire, facendoci carico del senso della comunità e del suo benessere“.

Gesti come questo – conclude Scibetta hanno una grande importanza nel concreto, ma anche un significativo valore simbolico:.ci fanno ben sperare per il futuro, un futuro abitato da uomini e donne consapevoli della bellezza e dell’utilità di essere cittadinanza attiva. Grazie di cuore per questo atto di solidarietà,.strumento di prevenzione e di equità“.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e sul nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione