15 Novembre 2018

Ristorante influencer a Milano dice no ai soldi e sì ai follower su Instagram

Ristorante influencer a Milano: Hai tanti follower ma pochi soldi? Non temere, saranno proprio i tuoi “follower” a salvare il tuo appetito! Arriva in Italia il ristorante che accetta come pagamento seguaci su Instagram.

Asec Trade S.r.l.

Pronto soccorso follower che ti salvano dalla fame?

Avere tanti follower al giorno d’oggi è un vantaggio non solo in termini di visibilità, ma anche in termini economici. A Milano, il nuovo ristorante della catena This is not a sushi bar in Via Lazzaro Papi, 6 accetta dal 15 ottobre una nuova modalità di pagamento… non solo contanti, carte di credito, assegni, ma ben di più: follower su Instagram. A seconda del numero di “seguaci”, infatti, chi consumerà ai tavoli del locale, otterrà alcuni piatti omaggio, fino alla totale gratuità, presentando in cassa la pubblicazione di un post con foto scattata nel ristorante, tag alla pagina @thisisnotasushibar e hashtag #thisisnotasushibar.

Come nasce l’idea?

Matteo Pittarello, presidente di This is not a sushi bar, spiega quali sono le finalità dell’introduzione di questo metodo alternativo (e un po’ strano) di pagamento: “L’idea è nata con due finalità: stimolare in maniera innovativa e inclusiva la presenza nel locale e la partecipazione dei nostri clienti, dato che oltre l’80% della nostra attività è incentrata sulla consegna a domicilio e rendere questo ristorante unico, non solo in Italia. Abbiamo scoperto che in Inghilterra è successa una cosa simile qualche anno fa, ma si trattava di un ‘pop-up restaurant’ con finalità esclusivamente promozionali. Noi intendiamo rendere la formula permanente, per cui, salvo sorprese, dovremmo essere i primi al mondo ad utilizzare in maniera strutturata questa formula“.

Ristorante influencer a Milano: i requisiti per mangiare gratis

I benefici variano in base al numero di seguaci su Instagram:

  • da 1.000 a 5.000 follower: 1 piatto gratis
  • da 5.000 a 10.000 follower: 2 piatti gratis
  • da 10.000 a 50.000 follower: 4 piatti gratis
  • da 50.000 a 100.000 follower: 8 piatti gratis
  • da 100.000 follower in su: intera cena gratis

Altro che raccolta punti, molto meglio… in fondo bastano davvero dei follower per mangiare gratis a vita.

This is not a sushi bar

Fonte Foto: finedininglovers.it – In foto, Matteo Pittarello, l’ideatore

Pro e contro dell’iniziativa del ristorante influencer

Secondo quanto spiega direttamente Matteo Pittarello: “Questa idea di ‘pagare con i follower’ viene dopo una lunga serie di iniziative ‘inclusive’ che permettono a tutti di avere piatti gratis. Ad esempio: basta iscriversi alla nostra newsletter per avere un piatto gratis, dopo 15 pasti ottieni un buono con 25 euro da spendere in sushi, se segui le nostre pagine social spesso organizziamo momenti di assaggio gratuito delle novità e diamo codici per ottenere sconti. Non serve necessariamente avere follower su Instagram, coccoliamo tutti i nostri clienti. Non è un’operazione discriminatoria, ma solo il modo di entrare in contatto con una parte di pubblico – quello di Instagram – che ancora non avevamo ‘conquistato’ del tutto“.

Molti, però, hanno solo approfittato della loro popolarità per mangiare gratis: “C’è stato chi ha mangiato e, appena uscito dal ristorante, ha cancellato il post. Molti influencer, infatti, ormai sono delle star e spesso hanno esclusive con alcune aziende, quindi non possono usare liberamente il proprio profilo. Quando ci siamo accorti dell’eliminazione del post, abbiamo chiesto il perché, ma non ce la siamo presa più di tanto. Però non vogliamo che le persone se ne approfittino: deve essere un gioco leale. L’atmosfera che si respira, tra l’altro, è piacevole e divertente: basta solo rispettare il ‘gioco’ della condivisione e fare un post“.

Allora, milanesi e non, affrettatevi… aprite Instagram e fate in modo di aumentare il numero dei vostri follower: pancia e popolarità ringrazieranno!

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione