01 Novembre 2018

Vegana minaccia la madre: “Se fai il ragù ti pianto un coltello nella pancia!”

Vegana minaccia la madre: la donna voleva solo cucinare del ragù… ma la figlia non perdona! È vegana e non vuole mangiare carne. Dopo le minacce, però, adesso deve risarcire la madre, e non di poco.

Vegana minaccia la madre: Il ragù “maledetto”

Al centro del litigio tra una mamma e una figlia vegana c’è un piatto tipico emiliano: la pasta al ragù. La lite, però, ha del tragico: si arriva alle minacce. L’episodio è avvenuto a Modena e la figlia di 48 anni ha detto alla madre, pensionata di 69 anni: “Adesso ci penso io a farti smettere, se non la smetti di fare il ragù ti pianto un coltello nella pancia!“. Sembrerebbe uno scherzo, e invece così non è. La madre, terrorizzata, non appena udite le parole, si è recata dalle Autorità per denunciare l’accaduto.

Asec Trade S.r.l.

I continui litigi tra madre e figlia

Le due donne vivevano sotto lo stesso tetto dal momento che la figlia era rimasta senza lavoro. La convivenza, però, era tutt’altro che serena. I litigi, infatti, erano all’ordine del giorno, soprattutto perché la madre non condivideva la scelta della figlia di essere vegana.

Le madri, le nonne, si sa, non accettano il fatto di non mangiare alcuni alimenti… si deve mangiare tutto e sempre. Solo l’odore del ragù accendeva forti discussioni e dissidi. Secondo quanto riporta la Gazzetta di Modena: “Con la carne non voleva più avere nessun contatto ‘sensoriale’, nemmeno olfattivo“. Mai, però, si era arrivati alle denunce, forse perché le frasi pronunciate dalla figlia non erano mai state di quella intensità tale da credere necessario un intervento della Polizia.

vegana minaccia la madre

Fonte Foto: bofrost.it

Vegana minaccia la madre… e ora deve risarcirla

La figlia l’ha pagata cara, in tutti i sensi. Inizialmente, il caso è stato portato davanti al Giudice di Pace per tentare una conciliazione, ma si è rivelata fallace. Oggi, dunque, la 48enne è stata condannata dal giudice Nadia Trifilò a pagare ben 400 euro a titolo di risarcimento e 500 euro di multa. Quelle parole sono state interpretate come una vera e propria minaccia di morte. Una lite costata in totale 900 euro, solo per un po’ di ragù… Bastava non mangiarlo!

Vuoi rimanere sempre aggiornato?
Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione