19 Settembre 2018

Esplosione Verona: tragedia sfiorata, ferito un migrante

Esplosione Verona: tragedia sfiorata, ferito un migrante

La notte scorsa un incendio ha provocato un’esplosione in una palazzina. Il piano terra è stato completamente distrutto. Non vi sono stati morti, si registra un ferito. Esplosione Verona.

Si escluderebbe la natura dolosa dell’incendio

A San Martino Buon Albergo, che ospita 24 migranti richiedenti asilo, la scorsa notte è avvenuta una deflagrazione al piano terra. La causa dell’esplosione, che ha distrutto il piano terra della palazzina è stato un incendio. I locali che hanno preso fuoco sono quelli che ospitano una concessionaria di moto e una sala giochi. Sebbene non si sono registrati morti, vi è stato un ferito. Si tratta di un passante. Per il momento si escluderebbe la natura dolosa dell’incendio. Sul posto sono intervenuti oltre ai vigili del fuoco, che hanno domato l’incendio, anche polizia e carabinieri. I migranti sono stati evacuati assieme ad un’altra ventina di residenti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno domato l’incendio, oltre a carabinieri e polizia. La natura dell’episodio, e l’obiettivo, nel caso si trattasse di incendio doloso, sono al vaglio degli investigatori. Le operazioni di spegnimento dell’incendio si sono concluse circa alle 4.00 del mattino.

Palazzo inagibile. sono cinquanta gli sfollati

Le autorità hanno dichiarato la palazzina inagibile in tutti i suoi piani. In essa, oltre che ai 24 migranti richiedenti asilo, vivevano altre persone. Il totale è di cinquanta, che sono stati ovviamente sfollati dall’edificio. Il sindaco di San Martino Martino Buon Albergo Franco De Santi ha commentato dicendo “Fortunatamente c’è stato solo un ferito, ma le conseguenze sarebbero potute essere devastanti. I danni per lo stabile sono gravi, adesso dovremo valutare l’agibilità di parte del palazzo e oggi ci sarà un sopralluogo tecnico”. Nessuno dei residenti è potuto tornare nella propria abitazione. Un albergo della zona li sta ospitando momentaneamente.

Ultimo aggiornamento

redazione

redazione